Visitare Matera, cosa vedere: 21 perle (2020)

In questo articolo ti forniremo tutte le informazioni che servono per visitare Matera, perla della Basilicata, patrimonio dell’Unesco (nonché una delle città più antiche del mondo ancora abitate -per l’esattezza, la 3° dopo Gerico e a Gerusalemme-!).

Cosa di preciso?

Quindi, se vuoi visitare Matera godendo di ogni attimo della tua permanenza,  eccoti la guida giusta.

Partiamo subito!

Altre città italiane? Ecco altre guide su: Pavia, Cinque Terre, Torino, Trieste, Alberobello, Lago di Braies

Indice (cliccabile):

01. Quando visitare Matera: il periodo perfetto;
02. Quanto può costare visitare Matera;
03. Come arrivare a Matera: le soluzioni migliori;
04. Matera capitale europea della cultura 2019;
05.
Matera cosa vedere: una perla unica al mondo;
06. Cosa mangiare a Matera (ma anche dove mangiare a Matera!);
07. Cosa fare a Matera la sera: una soluzione per tutti;
08. Dove dormire a Matera: una vacanza tra i sassi;
09. Vuoi visitare altre fantastiche mete? Lasciati ispirare;
10. Hai un dubbio o vuoi un consiglio? Clicca qui.

 

 

⛅️

Quando visitare Matera: il periodo giusto

Sicuramente, i periodi migliori sono primavera ed autunno, quando i turisti sono relativamente pochi e le temperature gradevoli.

visitare Matera, clima
  • Save

Però, il 2 Luglio c’è la festa della Bruna, la più importante ricorrenza festeggiata nella città, che meriterebbe di essere vissuta in prima persona e che rende gli inizi di Luglio un altro periodo interessante per una scappata a Matera.

Durante il periodo natalizio, inoltre, proprio qua si tiene un bellissimo presepe vivente. Quindi un ottimo motivo per visitare Matera in inverno.

Insomma, i periodi durante il quale visitare Matera possono essere praticamente tutti, l’importante è visitarla!

cosa vedere a Matera in 2 giorni
  • Save

 

💸

Quanto può costare visitare Matera: budget basso

La fortuna del sud Italia è che ancora la vita costa relativamente poco.

La sfortuna del sud Italia è che questo non varrà ancora per molto e che per le mete un po’ più turistiche sta già cambiando.

Matera per fortuna ha ancora prezzi contenuti con attrazioni visitabili spendendo €3-5 e cenando con circa €20/30 a testa.

La situazione è però un po’ più complicata per gli alloggi:

È difficile infatti trovare un posto dove dormire ad un prezzo inferiore di €120/140… tanto peggio se si vuole provare a dormire in una delle meravigliose stanze-grotta scavate nel tufo.

 

🚙

Come visitare Matera: i mezzi

Purtroppo la città non è collegata molto bene con i mezzi pubblici e raggiungerla non è proprio facilissimo.

Il nostro consiglio è quello di essere auto-muniti e quindi di noleggiarne una, magari proprio dall’aeroporto di Bari (il più vicino).

Noi ad esempio, da Milano abbiamo fatto così: abbiamo preso un volo low-cost con Ryanair su Bari e  poi abbiamo noleggiato l’auto.

Tra le tante compagnie di autonoleggio alle quali potevamo appoggiarci, abbiamo optato per l’italiana Sicily by-car per i seguenti motivi:

Il noleggio infatti è già disponibile in aeroporto (il che riduce le perdite di tempo legate agli spostamenti), il prezzo è ridotto e c’era anche la possibilità di rendere la macchina in un aeroporto diverso da quello di partenza. 

Il tragitto Bari-Matera in auto è di circa un’oretta e mezza.

veduta su città vecchia matera
  • Save

Bonus Auto: l’autonomia di non doversi soffermare solo ed esclusivamente su Matera ma poter fare qualche deviazione.

🤞🏼 Consiglio da pro! Attenzione all’area ZTL una volta arrivati nella città dei sassi! Entrare nella zona a traffico limitato in macchina senza autorizzazione comporta la multa.

 

Ci sono poi due alternative all’auto (che però non consigliamo!):

In treno, arrivando a Matera centrale.
Da Bari Centrale ci vogliono circa 2 ore alla modica cifra di 5€.

In bus. Dall’aeroporto, con Puglia Air Bus e Bucci & Tarantini (online o in loco) è possibile arrivare a Matera in circa 1 ora e mezza.

 

📖

Matera capitale della cultura 2019: un motivo in più per visitarla

Matera, nel 2019, è stata eletta città della cultura: un riconoscimento a livello globale che l’ha resa epicentro di tutte le manifestazioni culturali più importanti al mondo.

Cosa ha significato questo per la città?

Non solo un influsso di turisti senza precedenti che hanno contribuito a far conoscere Matera in tutto il mondo ma anche una ragione in più per “farsi bella” investendo nelle attività culturali e negli eventi.

E per quanto, il titolo di capitale sia durato solo un anno, le implementazioni e il risultato del lavoro fatto durante il 2019 si può vedere -e godere- anche oggi. 

matera capitale cultura logo
  • Save

 

🔍

Cosa visitare a Matera: 21 luoghi d’interesse indimenticabili

Il nostro meraviglioso albergatore, quando gli chiedemmo informazioni sulla città, ci disse:

 

 

Ecco a te dunque i più bei luoghi da visitare a Matera e dintorni. Una favola.

 

✨ Visitare sassi Matera: nemmeno da chiederlo

E cosa se no? Cosa se non coloro che han permesso a Matera di diventare “patrimonio mondiale dell’Umanità”?

Ma partiamo dall’inizio, dalla conformazione geografica della città: Matera si divide in due grandi quartieri, il sasso Barisano e il sasso Caveoso.

scorci dei sassi di matera
  • Save

Il Sasso Barisano, il rione più grande, le cui case oggi ospitano per lo più negozi, ristoranti e alberghi, e il Sasso Caveoso, considerato il quartiere più antico che maggiormente conserva l’aspetto della città rupestre.

Questi due quartieri assieme danno vita ad una delle città più antiche del mondo, abitata fin dal lontanissimo paleolitico.

Le costruzioni in tufo che ora avrai la fortuna di ammirare camminando tra le stradine tortuose sono l’evoluzione di quelle che un tempo erano semplici caverne e che con il susseguirsi dei secoli hanno preso forma.

Eppure non è sempre stata rosea la storia di Matera, anzi.

tramonto sui sassi di matera
  • Save

Durante gli anni 50-60, a causa delle scarsissime condizioni igieniche delle abitazioni nei sassi -e del numero eccessivo di persone ammassate in ogni singola casa-, la città venne additata come “vergogna nazionale” finendo per essere completamente abbandonata.

Solo 30 anni dopo la città si ripopolò e rinacque la Matera che tutti noi oggi possiamo ammirare ed amare.

 

📚 Cose da fare a Matera? Casa Noha, una visita istruttiva

Casa Noha deve essere una delle prime cose da vedere a Matera, insistiamo ed insistiamo per un motivo!

Inizialmente eravamo molto scettici e anche un po’ annoiati all’idea di visitare casa Noha perché ci aspettavamo che al suo interno ci fosse un noiosissimo racconto sulla storia della città…

…stessa storia che avevamo già letto nelle guide e di cui pensavamo di sapere abbastanza…

Beh, meno male che per quanto fossimo scettici alla fine abbiamo comunque optato di assistere alla proiezione della storia della città in questa casa appartenuta a un nobile materano perché il racconto è talmente toccante da far vibrare le corde del cuore.

Si tratta di un documentario che in mezz’oretta riassume tutte le epoche storiche vissute dalla città a partire dal paleolitico passando per l’abbandono dei sassi di Matera fino alla nomina di città capitale della cultura 2019.


Orario: tutti i giorni 10-17. Chiusa martedì.
Prezzi: €5,00

Per maggiori informazioni consultare il sito ufficiale


 

🛏 La Casa-Grotta di Vico Solitario, la storia in una stanza

Sei curioso di vedere come si viveva a Matera quando venne considerata la vergogna nazionale?

Eccoti accontentato!

Ti basterà visitare la casa-grotta di Vico Solitario ed il gioco sarà fatto.

Questa casa -di un ambiente solo- infatti, è ancora arredata come al tempo:

Con gli utensili appesi alle pareti, una cisterna per la raccolta dell’acqua, il tavolo al centro della stanza,  il materasso imbottito di paglia…

…il tutto neanche lontanamente abbastanza per le circa 10 persone che ci vivevano -animali compresi-.

  • Save

Si tratta di una visita dall’impatto emotivo davvero importante e siamo sicuri non potrai rimanere indifferenti alla consapevolezza delle condizioni di vita degli agricoltori nel sud Italia.


Orario: tutti i giorni, dalle 9:30 alle 20:30;

Prezzo: €3,00


 

💒  Matera da vedere: la cattedrale, il cuore della città

La cattedrale della città -che si erge sul punto rialzato del Sasso Barisano e lo guarda dall’alto della sua posizione- è dedicata alla Madonna della Bruna e di Sant’Eustachio (dedica visibile anche dalla statua della Madonna della Bruna che sormonta l’ingresso).

visitare matera: vista dalla cattedrale
  • Save

Per quanto internamente abbia subito diversi cambiamenti in base al periodo storico ed al movimento artistico, esternamente non ha mai avuto trasformazioni e conserva la sua facciata in stile romanico risalente al 1200 con tanto di rosone a 16 raggi.

La pianta è a croce latina a tre navate e tra i tanti tesori che custodisce sono da annoverare il presepe di pietra di Persio, un affresco bizantino rappresentante la Madonna della Bruna con il Bambino e la pala “Vergine con Bambino e santi” di Santafede del 1580.

Visitare Matera: la Cattedrale
  • Save

🕳  Visitare Matera sotterrane: il palombaro lungo 

Il palombaro lungo – deve il suo nome al latino “Plumbarius” che era il termine usato per indicare coloro che rivestivano di piombo le tubature degli acquedotti- non è altro che un’enorme cisterna (e per enorme intendiamo un contenitore dalla capienza di 5000 metri cubi)

E dove si trova questa gigantesca cisterna?

Nascosta sotto -niente poco di meno che- piazza Vittorio Veneto, la piazza principale della città.

Interessante è capire quanto questa cisterna sia stata creata bene e quanto sia complessa l’ingegneria che ci sta dietro, tanto da meritarsi l’appellativo di “Duomo d’acqua”:

La struttura è interamente scavata nel tufo ma è ricoperta da un particolarissimo intonaco che non solo la impermeabilizza ma la rende anche elastica.

Visitare Matera: il Palombaro lungo
  • Save


Orario: tutti i giorni dalle 10:00 all 13:00 e dalle 15:00 alle 18:50

Biglietto: 3,00 €uro, gratis sotto i 18 anni

NDR: Il posto può essere visitato soltanto con una guida per cui ti consigliamo di andare a prenotare la tua un po’ prima dell’orario in cui vorresti iniziasse.


 

⛪️ Le chiese rupestri, l’orgoglio materano

Come già accennato, visitare Matera e non fare un salto ad almeno una delle chiese rupestri potrebbe essere considerato un crimine imperdonabile!

Ma visto che noi ci teniamo alla tua incolumità abbiamo deciso di elencartene un po’!

Alba sui sassi di Matera
  • Save

Tieni in considerazione che visitarle tutte è praticamente impossibile (se ne contano circa 155 tra quelle in città e quelle nel parco della Murgia) …

…però da quest’elenco potrai scegliere quelle che ti ispirano di più e nel caso avessi più tempo a disposizione, perché no, potresti dedicarti a scoprirne una parte consistente!

Innanzitutto, cosa sono le chiese rupestri e che cosa si intende quando se ne parla?

Si tratta di edifici scavati nella roccia e utilizzati come luoghi di preghiera dalle prime comunità monastiche insediatesi a Matera (e risalenti al lontanissimo Alto Medioevo).

Nel tempo questi edifici hanno avuto diversi utilizzi (abitazioni, stalle…) ciononostante, molti di loro ancora oggi conservano la bellezza degli affreschi e decorazioni prima benedettine poi bizantine e longobarde.

Ora possiamo tornare all’elenco delle chiese rupestri:

▸ San Pietro Barisano nonché la più grande chiesa rupestre di Matera; dal XII al XVIII secolo questo luogo di culto ha subito diverse modifiche, legate agli stili architettonici ed artistici in voga in quel momento.
Degno di attenzione sono sicuramente i sotterranei… ma non ti anticipiamo nulla!

▸ Santa Maria de Idris -detto col cuore in mano, questa è la nostra chiesa rupestre preferita-, ossia Madonna delle Acque sorge in cima ad un altura che le permette di avere una vista indescrivibile su tutta la città. Non fosse solo per questo, al suo interno gli affreschi di Santi e della Madonna sono talmente tanto belli da far mancare il fiato (ancor di più della scalinata per arrivare alla chiesa!).

cosa vedere a Matera: le chiese rupestri
  • Save

▸ Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci nonché un complesso formato da bellissimo esemplare di pseudo-basilica a tre navate completamente scavato nella roccia (la chiesa dedicata alla Madonna) e una cripta fittamente decorata di affreschi (la cripta di San Nicola appunto).
Importante da citare è l’utilizzo della chiesa come location di mostre d’arte.

▸ Madonna delle Vergini nonché una delle poche chiese ancora consacrate e utilizzate per tenere celebrazioni religiose. Ciò che la rende meritevole di una visita è sicuramente la vista che gode sui Sassi: magica!

▸ Santa Lucia alle Malve –nonché la nostra seconda preferita- è stata sede della prima comunità di benedettine. Gli affreschi all’interno risalgono addirittura al 1200!
Interessante sapere che questa chiesa sorge su un’antica necropoli. 

Cosa vedere a Matera: la chiesa rupestre di Santa Lucia
  • Save

 

🎨 Musma, un museo unico nel suo genere

Quando parliamo di Musma, intendiamo uno dei più importanti musei a livello nazionale dedicati alla scultura… mica noccioline eh!

E sì, ti imbatterai proprio in questo museo nel visitare Matera a piedi e non possiamo che consigliarti di visitarlo.

L’edificio è interamente incavato nella roccia ed è profondamente avanguardista nella sua volontà di integrare spazio e opere d’arte.

Da non perdere! Sicuramente una dell cose da vedere a Matera.

Noi non siamo dei grandissimi intenditori ma quel che è certo è che a prescindere dalle conoscenze nell’ambito, sapere di essere nell’unico museo nella grotta al mondo… fa provare di gran lunga una bella sensazione.

visitare Matera: Musma museo arte contemporanea
  • Save


Orario: 1° ottobre-31 marzo dalle 10:00 alle 18:00; 1° aprile – 30 settembre dalle 10:00 alle 20:00

Prezzi: intero €5, ridotto €3.50

Per maggiori informazioni consultare il sito ufficiale.


 

✝️ Cripta del Peccato Originale: un nome una garanzia

Okey, non è proprio nella città dei Sassi ma a qualche chilometro dalla città…

…però non potevamo non inserirla nella lista di cosa visitare a Matera perché beh, perché si tratta di uno dei posti in assoluto più belli del Sud-Italia (escludendo –ovviamente- le bellezze naturalistiche).

Sicuramente la Cripta del peccato originale –conosciuta come la “cappella Sistina” della pittura parietale rupestre alto-medievaleè l’esempio più virtuoso di chiesta rupestre grazie alle sue pareti fittamente affrescata con scene del Vecchio e Nuovo Testamento.

Ri-scoperta nel 1963, oggi la Cripta del Peccato originale è visitabile previa prenotazione.

Per maggiori informazioni consultare il sito ufficiale.

 

💒  Matera cose da vedere: la chiesa San Francesco D’Assisi

Una perla nel mezzo della città, precisamente nell’omonima piazza di San Francesco, è la chiesa di San Francesco d’Assisi.

La facciata realizzata in stile tardo barocco si innesta in modo armonioso sul corpo della chiesa.

Venne progettata dagli architetti Vito Valentino e Tommaso Pennetta e fu costruita sopra i resti dell’antica chiesa ipogea dei santi Pietro e Paolo.

A quando risale questa bellissima chiesa?

La prima costruzione risale al 1200, un antico splendore della città.

matera chiesa san francesco assisi
  • Save

🎫 Museo Ridola: per conoscere la vera storia di Matera

Se vuoi conoscere la storia di Matera, dal paleolitico fino al III secolo A.C, il museo Ridola è quello che fa per te.

Si tratta del museo più antico della città è venne fondato nel 1911 su commissione del senatore Domenico Ridola.

In questo museo puoi ritrovare la vita di Matera, dai resti dei primi uomini paleolitici passando per i resti della Magna Grecia.

Non vuoi farci un salto?

Per orari e prezzi sempre aggiornati, visita il sito ufficiale del museo.

 

⛪️ Chiesa di San Giovanni Battista: un capolavoro

La chiesa di San Giovanni Battista, un grand esempio di architettura medievale al sud, venne costruita a partire dal 1230, appena fuori le mura antiche della città.

In essa si fondono stili architettonici diversi, la struttura principale è romanica ma si possono trovare elementi derivanti al gotico, all’architettura araba e greca, come la pianta a croce greca.

La chiesa non ha una facciata vera e propria ma possiede un portone principale adornato con sculture di flora e fauna.

L’interno è suddiviso in tre navate con cappelle laterali mentre sull’altare possiamo trovare una tela del 1700 dipinta da Vito Antonio Conversi.

La chiesa si trova vicino a Piazza Vittorio Emanuele, se sei da queste parti, facci un salto. Anzi, anche se non sei da quelle parti.

Insistiamo.

Per orari e prezzi sempre aggiornati, visitare il sito ufficiale della chiesa.

Matera chiesa san giovanni
  • Save
  

🏯 Palazzo Lanfranchi: un palazzo fortemente voluto

Se stai girovagando nei pressi di Piazza Giovanni Pascoli potrai notare un palazzo elegante dall’architettura asimmetrica.

Beh.. quello è proprio palazzo Lanfranchi.

Nel 2003 è diventato anche sede del Museo Nazionale d’Arte Moderna della Basilicata, per cui nel caso volessi visitare questo museo, lo vedrai per forza (:

Il palazzo è stato fortemente voluto dal Vescovo Lanfranchi.

Il museo è oggi suddiviso in quattro aree:

  • Arte sacra,
  • Collezionismo,
  • Arte Contemporanea,
  • Demoetnoantropologica.

Da non mancare assolutamente, al piano terra, la Lucania ’61 di Carlo Levi che oltre ad essere uno scrittore si dilettava anche a dipingere.

In particolare quest’opera d’arte venne dipinta in occasione del centenario dell’Unità d’Italia.

💡Curiosità! Dopo l’unità di Italia il palazzo ospito il liceo classico in cui insegno dal 1882 al 1884 Giovanni Pascoli.

Per orari e prezzi sempre aggiornati, visita il sito del palazzo.

matera palazzo lanfranchi
  • Save

🏰 Castello Tramontano a Matera: una storia di assassini

Recati in cima alla collina di Lapillo, sempre a Matera. Lì si trova il bellissimo castello Tramontano.

Questa antica fortezza venne fatta costruita all’inizio del 1500 su ordine del Conte Giovan Carlo Tramontano, con l’architettura tipica del periodo di dominazione spagnola.

Il conte era il feudatario di Matera e per questo controllava la regione a suo piacimento.

Il castello lo fece erigere costruire fuori dalle mura della città per presidiare la zona e tenere sotto controllo i materani che in quel periodo continuavano a insorgere a causa dei soprusi del conte, chiedendo di dipendere direttamente dalla corona reale.

La beffa?

Il costo del castello venne dedotto dalle tasse pagate proprio dai materani…

…come rispose il popolo?

Assassinando il conte in una stradina della città, che venne chiamata successivamente via del Riscatto.

Per orari e prezzi sempre aggiornati, fai un salto sul sito ufficiale del castello.

Matera castello tramontano
  • Save

 

🚙 Dintorni di Matera: le destinazioni più gettonate

Passiamo ora ad un interessante paragrafo per chi ha qualche giorno in più da spendere per visitare i dintorni di Matera.

Cosa vedere nei dintorni di Matera?

 

❶ Il parco della Murgia Materana, una distesa di indiscutibile valore

Questo parco, per quanto possa sembrare desolato a prima occhiata, racchiude nella sua vastissima area la bellezza di rare specie animali e vegetali nonché alcuni reperti archeologici, testimonianze di chiese rupestri e resti di villaggi neolitici dall’inestimabile valore culturale.

L’esplorazione di quest’area è quasi obbligatoria per tutti coloro che amano le camminate, per gli inarrestabili esploratori e per tutti coloro che sono innamorati dell’arte in tutte le sue sfaccettature.

Qua troverai tutte le informazioni di cui avrai bisogno per organizzare la tue escursioni e capire precisamente cosa custodisce questo posto.

cosa-vedere-a-matera-parco-della-murgia
  • Save

❷ Gravina in Puglia: un posto tanto sottovalutato quanto magico

Gravina è quel posto nella zona della Murgia che bisogna visitare se si vuole sapere di più sulla storia di questa parte di Italia e per capire anche la nascita di Matera.

Le radici di Gravina in Puglia sono antichissime, addirittura precedenti ai romani… eppure la crescita esponenziale di quello che era all’inizio un misero insediamento è proprio merito degli antichi Romani che ne fecero una stazione di collegamento tra Roma e il porto di Brindisi

Nei secoli, Gravina non smise mai di essere abitata… anzi, durante il medioevo l’insediamento si fece talmente grande da dover occupare e trasformare in abitazioni anche le grotte della Gravina.

Ad imitazione di questo, venne fatto lo stesso a Matera. 

Le attrazioni più belle e iconiche di Gravina sono:

  • Il castello di Federico II,
  • Il torrente,
  • La grotta di San Michele,
  • La cattedrale,
  • Le rovine rupestri.

Distanza da Matera: 30 min di macchina

visitare matera gravina
  • Save

❸ Altamura: un concentrato di storia

Se decidi di visitare Matera e dintorni, non puoi perderti Altamura.

Questo paesino, come Matera e Gravina in Puglia ha origini antichissime, addirittura pre-colonizzazione romana.

Lo sviluppo urbanistico ed economico della città lo si ebbe però nel medioevo, quando Federico II decise di investire nella città.

Oltre alla bellissima cattedrale -uno degli esempi più belli di architettura medievale del sud Italia-, potrai anche ammirare i resti delle gigantesche mura difensive volute proprio dal sovrano.

💡 Curiosità! I cittadini di Altamura ricordano con rispetto Federico II rievocandolo attraverso un festival medievale ogni anno: il Federicus!

Distanza da Matera: 25 min.

❹ Dolomiti Lucane: nulla da invidiare alle Alpi

Se hai a disposizione qualche giorno nel visitare Matera, puoi anche pensare di fare un giro nelle Dolomite Lucane (il cui nome non può non invocare alla memoria la bellezza delle Dolomiti).

In particolare ti consigliamo di visitare i paesini di Pietrapertosa e Castelmezzano, davvero tipici e di fare un giro a Craco, un fantastico borgo abbandonato.

Insomma, cosa c’è di più macabramente affascinante di un borgo abbandonato?

Distanza da Matera: 1,25 ore.

 

❺ Alberobello, un paradiso dalle case a punta!

Alberobello. Oh Alberobello!

Fare un salto in questo paesino della Puglia riuscirebbe a rendere il tuo viaggio incentrato nel visitare Matera, ancora più magico – e ti assicuriamo essere abbastanza difficile-.

Anche Alberobello, è patrimonio UNESCO e deve l’inserimento del suo nome in questa lista alle sue particolari case a forma di cono chiamate trulli.

Alberobello è talmente particolare e meritevole di essere visitato da averci scritto una guida completamente dedicata. Clicca qui per leggerla!

Cosa vedere vicino Matera: Alberobello
  • Save

 

 

🍽

Dove mangiare a Matera (ma soprattutto cosa mangiare!)

Matera è una città che vive sul turismo e come tale non esiste un ristorante che non sia “turistico”.

Fatta questa premessa, ci sentiamo di rassicurarti sul fatto che qua, turistico non ha una connotazione negativo ma indica invece un posto nella quale la cura per il visitatore diventa quasi maniacale.

Tutti i ristoranti sono esteticamente belli, invitanti, i piatti curati, le materie prime di qualità eccelsa… insomma, qua è difficile finire a mangiare in un posto sbagliato!

Se però dovessimo proprio darti un paio di nomi ti diremmo Soul Kitchen e la trattoria del Caveoso.

Vista sui sassi di Matera
  • Save

Perché proprio questi ristoranti a Matera?

Questi due posti ci sono stati a nostra volta consigliati da locals ed effettivamente con la loro cucina a chilometro zero rivisitata da chef esperti, cenare (o pranzare) diventa un’esperienza sensoriale.

Da non perdere assolutamente (e non stiamo scherzando) è la panna cotta al peperone caramellato del Soul Kitchen.

Il nostro scetticismo sul peperone utilizzato per un dolce si è volatilizzato dopo la prima cucchiaiata.

D i v i n o.

 

Cosa mangiare a Matera – le specialità da non perdere!

Di seguito puoi trovare i piatti più tipici di Matera, per avere anche un indirizzamento su cosa dover proprio ordinare! 

Pane di matera: è il prodotto tipico di Matera, talmente buono e particolare da essere invidiato da tutta Italia.

Come provarlo?

Appena sfornata in una delle tante panetterie che troverai sparse per la città. Accompagnalo poi dei salumi tipici del posto e vedrai che bontà.

pane di Altamura
  • Save

Fave e cicorie: è un piatto contadino, molto povero, che risale alle radici di Matera, perfetto per entrare in sintonia con la città! 

Cialledda: il nome, in dialetto materano già ne garantisce la tipicità, vero?
Beh, si tratta di pane cotto realizzato da pane raffermo arricchito con cime di rape, cipolle, e altri prodotti che si potevano trovare facilmente nella cucina dei poveri contadini.

Crapiata Materana: una zuppa di legumi e grano, antica quanto la città stessa. Il piatto veniva realizzato per festeggiare la fine della raccolta del grano e consumato a casa di conoscenti (si faceva a turno) dove ognuno portava un legume (ceci, cicerchie, fagioli, fave, grano, lenticchie, patatine novelle) che coltivava. Tutto veniva messo in un calderone per realizzare la zuppa.

→  Ravioli di pezzente e fagioli di Sarconi: un primo piatto super super saporito, da farti venire l’aquolina in bocca. Raggruppa assieme moltissimi prodotti tipici del territorio lucano come la salsiccia pezzente della montagna materana, fagioli, salsa di pomodori etc.

Gnummireddi: cosa indica questo nome ai più incomprensibile? Si tratta di involtini di interiora di agnello, polmone, fegato, cuore tenuti insieme da budello naturale. Sì… lo sappiamo… non sembra molto invitante ma è un prodotto tipico, per cui se vuoi vivere Matera al 100% non puoi non provarlo… facci sapere che ne pensi nei commenti!

trattoria del cave oso
  • Save

Peperoni cruschi: vuoi portare ad amici e parenti una specialità del posto? Ecco i peperoni cruschi! Si tratta di peperoni dolci lasciati essiccare al sole e leggermente fritti.

Il risultato?

Una vera e propria patatina fritta al gusto di peperone. 

→ Focaccia alla chianca: lo street food dei materani. Una focaccia di grano duro, cotta direttamente sulla pietra refrattari del forno a legna. Prodotto semplice condito da pomodorini freschi e olive. Noi la sognamo ancora la notte! 

Orecchiette funghi e salsiccia: conosciute anche come orecchiette alla materana sono uno dei piatti forti della città. Realizzate con i cavatelli al posto delle orecchiette condite con funghi cardoncelli e salsiccia freschi. Ti è venuta fame, vero?

 

 

🍸

Cosa fare a Matera la sera? Ecco come divertirsi alla lucana

Matera non è solo cultura e musei

…ecco allora i nostri consigli per la sera!

 

Movida nei Sassi di Matera, dove trovarla

La movida si concentra prevalentemente nella zona dei Sassi, precisamente nei pressi di Via Ridola e piazza del Sedile. Oppure in via Buozzi e via Fiorentini.

Qui troverai una serie di locali aperti fino a notte inoltrata dove bere e mangiare prodotti tipici, immersi nel contesto dei Sassi.

Nella parta del Sasso Barisano puoi poi trovare uno dei locali più frequentati dalla clientela giovane di Matera, che è diventato anche uno dei principali punti di ritrovo della città, una volta che tramonta il sole.

Il locale si chiama Vicolo Cieco Salsamenteria.

visitare Matera in 2 giorni
  • Save

La particolarità di questo posto è che è ricavato dalla congiunzione di due grotte.

Non ti viene già voglia di andarci?

Altro locale che significa musica, cocktail buonissimi, divertimento, spensieratezza è lo Shibuya. Praticamente tutti i giovani materani iniziano la loro serata qui.
Lo farai anche tu?

 

Altri posti da frequentare la sera a Matera sono:

  • Abbondanza Lucana: locale e ristorante molto in voga tra i giovani soprattutto grazie al suo giardino bellissimo;
  • L’Arturo: dove bere pasteggiando prodotti locali a km zero. Lo trovi in Piazza del Sedile, al centro della movida.

 

→ Passeggiare tra le luci di Matera

Se invece non hai voglia di fermarti in un locale preciso, quello che ti consigliamo di fare è semplicemente passeggiare per le vie della città illuminate.

Prendi un cocktail d’asporto (se la stagione lo permette) e vaga per la città fermandoti di tanto in tanto in uno dei punti panoramici che Matera offre.

Guarda la foto qui sotto, vale più di mille parole. Ti stai già immaginando camminare per le vie illuminate della città, brezza sul viso, rilassato, godendoti solo il momento?

Perfetto, la sera a Matera questo è semplicissimo.

visitare matera, cosa vedere in 2 giorni
  • Save

 

🏨

Dove dormire a Matera: i nostri consigli

Dove dormire a Matera? Domanda scontata, non credi?

Come si può pensare di alloggiare in un posto diverso da una casa scavata nella roccia?

Cioè, andiamo! Dormire nei sassi di Matera è un’esperienza unica!

Noi abbiamo alloggiato nel meraviglioso hotel Il Belvedere.

Come puoi immaginare “belvedere” è legato a qualcosa… e quel qualcosa è una delle viste più magiche della città. 

Infatti l’hotel è dotato di una terrazza a strapiombo sul parco della Murgia e sul Sasso Caveoso in grado di far sognare anche la persona meno sensibile di questo mondo.

Dove dormire a Matera: hotel il Belvedere
  • Save

Eppure, per quanto il terrazzo sia un po’ il fiore all’occhiello del posto, non è l’unico motivo per cui questo diventerà l’unico hotel in cui vorrai dormire (anche se ancora non lo sai!).

Le stanze.

Oh le stanze, nella roccia, sono l’evoluzione in chiave moderna di quelle che erano le abitazioni popolari d’un tempo.

La nostra in particolare –bella da farci sentire i più fortunati del mondo a poterci dormire-, ci è stato fatto presente essere stata in passato l’intera casa di una famiglia di 8 persone con tanto di animali.

La mangiatoia di un tempo, oggi è stata trasformata in un bagno, rustico ma elegante.

Visitare Matera: hotel il Belvedere
  • Save

Anche l’antico forno è stato riadattato a cassaforte e per non farsi mancare nulla, dietro al letto a baldacchino, una meravigliosa vetrata apre la vista alla costruzione in tufo al naturale.

Noi ti consigliamo con tutto il cuore di soggiornare presso questo fantastico hotel, ma nel caso volessi altro, qui sotto trovi le migliori strutture dove dormire a Matera secondo noi, in base a prezzo e qualità del servizio.

▶︎ Budget alto (alias “voglio un soggiorno da re”)

▶︎ Budget medio (alias “voglio tutti i servizi ad un prezzo ragionevole”)

▶︎ Budget basso (alias “Hotel? Non starò mai in hotel”)

🤞🏼 Consiglio da pro (che usiamo)! Prenota su Booking.com e blocca subito le strutture che più ti piacciono sfruttando la cancellazione gratuita, mal che vada puoi cambiare successivamente.


Booking.com


 

Quindi? Hai già prenotato il tuo fine settimana a Matera?
Volo, auto, treno, non importa, è una meta imperdibile!

 

 

✈️

Consiglio degli esperti: altri paesi fantastici da visitare

Se una volta tornato da Matera non riesci a smettere di pensare alla città lucana, la soluzione è solo una ed è quella di ri-prenotare un viaggio!

Se non proprio in Basilicata, almeno in un posto che abbia delle caratteristiche simili! 

Che dici? 

Ecco allora i nostri consigli:

 

💬

Sei ancora lì? Ce lo concedi ancora un momento?

Viaggiatore, hai trovato interessante la guida su cosa vedere a Matera? Se avessi voluto altre informazioni, scrivicelo qui sotto nei commenti che le aggiungeremo in un futuro aggiornamento. 

Inoltre, se hai bisogno di qualsiasi cosa, anche nell’organizzare il tuo viaggio a Matera, faccelo sapere e ti supporteremo.

Ti risponderemo in 24 ore. Promesso.

 

Cosa stai aspettando? Prenota subito il tuo volo!

Utilizza la nostra guida per scoprire come prenotare al prezzo più basso possibile. Clicca qui.

 


DISCLAIMER – L’alloggio è stato gentilmente fornito da Hotel Il Belvedere.
Ciononostante le nostre opinioni sull’hotel e su come visitare Matera sono assolutamente imparziali e sincere.

 

 

 

Visitare Matera, cosa vedere: 21 perle (2020) ultima modifica: 2020-05-17T16:39:53+02:00 da Travelholicsouls
tramonto sui sassi di matera
  • Save
123 Shares

2 Comments

    1. Ciao Maria Luisa,

      ovviamente dipende molto dal tuo budget 🙂
      Matera non è economicissima come città se vuoi provare a dormire in una grotta (anche se ti assicuriamo che dormire dentro i sassi è un’esperienza indimenticabile!)…

      Alcuni alloggi dal prezzo non troppo eccessivo ma carini possono essere:

      Le due nicchie
      Ali di Matera
      B&b Aurelia

      Se invece vuoi dormire nei sassi, non possiamo che consigliarti B&B il Belvedere dove siamo stati noi: clicca qui.

      Un abbraccio.
      Simone e Zineb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *