Cosa vedere a San Pietroburgo: guida (con itinerario)

San Pietroburgo è una di quelle città la cui fama fa tutto, ciononostante se ci si chiede cosa vedere a San Pietroburgo non ci si riesce a dare una risposta.

O sbagliamo?

Non è come, in Italia, a Roma a cui si pensa subito al Colosseo, a Mosca a cui si pensa alla Piazza Rossa o in Francia, a Parigi a cui si pensa alla Torre Eiffel.

San Pietroburgo vive una storia romanzata che porta tutti a sognarla (non a caso è una delle città più belle di Russia e addirittura dell’est Europa) ma nessuno a sapere cosa vedere.

Eccoci allora pronti a darvi una mano e a creare una guida pratica, semplice e veloce su cosa vedere in questa meravigliosa città russa.

Indice:

Quando andare per godere della sua magnificenza?

Non esiste un periodo migliore di quello in cui si possono avere le notti bianche.

Ci spieghiamo meglio.

Esiste un periodo dell’anno, quello che va dall’ultima settimana di maggio alla prima settimana di luglio, durante il quale a San Pietroburgo non esiste la notte.

Come saprete la città sorge nel profondo nord, all’altezza del 60° parallelo e questa sua posizione fa sì che in estate il sole sorga alle 2 del mattino e tramonti alle 23:00.

san pietroburgo meteo

Se non è magia questa! Cosa vedere a San Pietroburgo non sarà più un problema, avrete tutto il tempo del mondo per visitare ahah

🏺

La storia: il cruccio di un uomo

San Pietroburgo deve il suo nome allo zar Pietro il grande che volle la sua costruzione nel 1703.
Infatti, la storia di questa città non è quella che accomuna molte altre, ossia quella di un insieme di persone che decidono di stanziarsi lungo il corso di un fiume o in una pianura verdeggiante ma ha una storia tutta sua.

L’area di questa città, prima che lei esistesse, era inospitale e paludosa. Questo però non fermò Pietro il Grande e la sua volontà di costruire una città che fosse “una finestra sull’Europa”;

In che senso?

Lo Zar mandò centinaia di migliaia di russi a bonificare le terre prima, a costruire una città poi ed infine ad abitarvi.
Ma non solo, volle che le costruzioni riprendessero lo charme di Parigi e lo sfarzo di Roma. È per questo che l’architettura della città è così distante da quella tipicamente russa.

Non a caso, due degli scrittori più famosi della storia, Puškin e Dostoevsky, hanno avuto proprio questa città come fonte di ispirazione.

🌍

Itinerario per 4 giorni: pronti a partire?

🚗 Giorno 1 – Cosa vedere a San Pietroburgo, l’imprescindibile

Mattina:

1. Piazza del Palazzo
2. Hermitage

Pomeriggio:

3. Prospettiva Nevkij
4. Chiesa del San Salvatore sul sangue versato
5. Cattedrale di Kazan

cosa vedere a San Pietroburgo: itinerario giorno 1
1. Piazza del Palazzo: visitare San Pietroburgo deve iniziare da qui

La piazza del Palazzo è la piazza centrale della città nonché il posto in cui si trova il famosissimo palazzo d’Inverno.

Al centro della piazza si trova una colonna in granito rosso di quasi 50 metri dedicata all’imperatore Alessandro I ed eretta per festeggiare la vittoria russa contro l’invasione di Napoleone.

palazzo d'inverno san pietroburgo

Ps. Non perdetevi il Portico degli Atlanti del Nuovo Hermitage proprio lì vicino. 

2. Hermitage: uno dei musei più belli al mondo

Chiunque se ne intende anche solo minimamente di arte, sa che sono 4 i musei che almeno una volta nella vita devono essere visitati e sono i musei Vaticani nella Città del Vaticano, il Louvre a Parigi, il Guggenheim a New York e, ultimo ma non per importanza, l’Hermitage a San Pietroburgo.

Questa enorme museo vanta una collezione di circa 3 milioni di opere d’arte esposte in diversi edifici sparsi per la città. Vale la pena visitare San Pietroburgo solo per entrare in questo museo.

La parte giù consistente della collezione, però, è esposta in un edificio che già di per sé è un opera d’arte: il palazzo d’inverno nonché il simbolo della grandezza dell’impero russo.

“Ma come fanno tutte queste opere ad essere in Russia?” vi starete chiedendo.

Tutto cominciò quando Caterina la Grande, l’imperatrice, comprò una grande quantità di opere dall’Europa. Oggi, le opere sono così tante da essere suddivise in 8 compartimenti a seconda del periodo storico e della provenienza: Culture primitive dal Paleolitico agli Slavi, Arte Orientale, Arte del Vicino e Medio Oriente, Antichità Classiche, Cultura e Arte Russa, Arte dell’Europa Occidentale.

Come potete dedurre dalle dimensioni e dalle informazioni che vi abbiamo appena dato, visitarlo non è un gioco da ragazzi!
Le distanze sono lunghe, le cose da vedere tante…

Vi consigliamo di segnarvi, prima di entrare, le opere che assolutamente non volete perdervi e in quale parte del museo sono.

Vi assicuriamo che, nonostante la preparazione, il tempo che trascorrerete lì dentro sarà di almeno 3-4 ore; immaginatevi quanto ne potrete spendere entrando a caso e non sapendo su cosa concentrarvi.


Orario: 10:30-18:00 per i giorni martedì, giovedì, sabato e domenica; 10:30-21:00 per i giorni mercoledì e venerdì; Chiuso il lunedì. 

Il primo giovedì di ogni mese è gratis, ma attenti alle file, sono lunghissime.

Prezzo: 600 rubli (700 rubli nella stagione estiva).

🤞🏽 Consiglio da amici: comprate i biglietti alle macchinette! La fila per la biglietteria è sempre lunghissima, soprattutto in alta stagione e viene fatta principalmente dai russi perché hanno una serie di agevolazioni presentando la carta d’identità.
Non perdete tempo inutilmente, fidatevi!

Per maggiori info consultare il sito ufficiale.


3. Prospettiva Nevski: il fulcro della città in una via

La prospettiva Nevskij è un enorme vialone, lungo 4 chilometri e mezzo, che unisce la città da est ad ovest, collegando il monastero di Aleksandr Newskij all’Ammiragliato. 

Avete presente le Ramblas di Barcellona?
Quelle vie sempre vive, sempre vivaci, nelle quali si sente vociferare a qualsiasi ora del giorno o della notte?

“A Pietroburgo, non c’è niente di meglio della Prospettiva Nevskij. Essa è tutto.”

Ecco, questo è la prospettiva Nevskij, uno stradone circondato da baretti, ristoranti, locali e posti, turistici e meno… ma non solo! 

Lungo il corso troverete il palazzo Stroganov, la Biblioteca Nazionale Russa, Piazza Ostrovskij, il ponte Aničkov e potremmo andare avanti ma vorremmo foste voi a scoprirli, facendovi una bella passeggiata! Mi raccomando, percorretela tutta (ci vorrà un po’ ma ne varrà la pena) e diteci se abbiamo sbagliato a consigliarvi di inserirla nella lista di cosa visitare a San Pietroburgo.

4. Chiesa del San Salvatore sul sangue versato

Non siamo sicuri esista qualcosa che descriva San Pietroburgo meglio della Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato.

Cosa vedere a San Pietroburgo? Questa chiesa.

cosa vedere a san pietroburgo chiesa san salvatore sul sangue versato

E non solo perché è un simbolo ma anche perché, molto probabilmente, esistono poche chiese così belle!

Costruita tra il 1883 e il 1907, questo edificio di culto cristiano-ortodosso, è un capolavoro di mosaici, smalti variopinti e vetro colorato.

Ma partiamo dall’inizio, volete sapere perché si chiama così?

Il nome ufficiale, tradotto dal russo è Cattedrale della Resurrezione di Cristo ma da quando, nel marzo dell’ 1881, fu ferito mortalmente lo zar Alessandro II, ha preso il nome di Chiesa del San Salvatore sul sangue versato.

È interessante prendere in considerazione la storia di questo edificio durante gli anni in cui Stalin governava la Russia. 
Non tutti sapranno che il comunismo impediva la possibilità di avere un’altra religione al di fuori del regime e per questo, tutti gli edifici utilizzati per pregare, vennero chiusi e riadattati a magazzini. Questo posto compreso.

Capirete che per riportare alla luce tutti i mosaici, tutti i colori, gli affreschi e la bellezza originaria del posto ci vollero anni di lavori di restauro.

27 per la precisione.


Orario: 10.00-18.00 (mercoledì chiuso); in estate orario prolungato fino alle 22.30
Prezzo: 250 rubli. Biglietti acquistabili online. 

Per maggiori info consultare il sito ufficiale.


5. Cattedrale di Kazan

cosa vedere a san pietroburgo chiesa di kazan

La cattedrale di Kazan è la sede del vescovo della città ed è consacrata alla giù importante Madonna di Russia, quella di Kazan appunto.

cattedrale di kazan san pietroburgo


Orario: 7.00 – 18.00, tutti i giorni;

Prezzo: gratis.


🚗 Giorno 2 – Peterhof: il lusso allo stato puro

Avete presente Versailles?
Ecco, Peterhof è la sua versione russa.

Come avrete capito dalla nostra lista di “cosa vedere a San Pietroburgo”, la città è ricca di bellissime copie delle migliori attrazioni/monumenti/edifici e costrutti europei. 

E anche nel caso di Peterhof, Pietro il Grande si è fatto ispirare dalla Francia nel volere una residenza appena fuori dalla grande città ma comunque dotata di tutte le comodità possibili.

Non stiamo qua ad elencarvi quante costruzioni compongono effettivamente il complesso perché ce ne sono davvero molte ma vi assicuriamo che non è solo il palazzo di Peterhof in sé -con le sue 27 stanze decorate fittamente, dai soffitti affrescati, l’oggettistica d’epoca e i tessuti costosi- a valer la pena di essere visitato ma forse lo stesso parco -costituito da 150 fondane e 4 cascate, tra le altre cose- è addirittura più interessante.

Vi facciamo solo una piccola anticipazione, giusto per incuriosirvi!

La Grande Cascata, la più importante tra le cascate, è posizionata davanti al Palazzo e scorre circondata da niente poco di meno di 255 statue dorate.

Poco impegnativo eh?

facciata frontale peterhof


Orario: A Peterhof ci sono molteplici cose da visitare, ognuna con un proprio orario. Vi invitiamo dunque a visitare il sito del palazzo per pianificare la vostra visita. Non siete obbligati a visitare tutto, ma solo ciò che vi aggrada di più. Occhio agli orari e ai prezzi dunque. 🙂

Prezzi: Sul sito tutto è molto esplicativo (purtroppo solo in inglese). Selezionate l’attrazione che volete visitare e avrete tutte le informazioni.


🚗 Giorno 3 – Cosa vedere a San Pietroburgo, la parte più autentica

Mattino:

1.L’incrociatore Aurora
2.La moschea di San Pietroburgo
3.La fortezza di Pietro e Paolo

Pomeriggio:

4.Cattedrale di Sant’Isacco
cosa vedere a San Pietroburgo: itinerario giorno 3
1.L’incrociatore Aurora

L’incrociatore -per chi non mastica il lessico bellico- non è altro che una grande nave da guerra.

incrociatore aurora san pietroburgo

Aurora risale al 1900 e deve il suo nome ad una prestigiosa nave che in passato aveva difeso la città di Petropavlovsk-Kamčatskij (all’estremo oriente russo) durante la guerra di Crimea.

Oggi custodisce al suo interno un museo galleggiante di cimeli e della marina russa.

2.La moschea di San Pietroburgo

Questa moschea, risalente al 1913 ha avuto il primato di essere  la più grande d’Europa visto il suo minareto di 49 metri e una capienza di 5mila fedeli.

moschea san pietroburgo

È l’unica moschea della città.

3.La fortezza di Pietro e Paolo

Queste fortezza fu voluta nel 1703 da Pietro il Grande, a difesa della Russia dai possibili attacchi svedesi e sorge su un’isoletta proprio sul delta della Neva.
E proprio qua questo è il nucleo originario di San Pietroburgo.

Per quanto la fortezza sia nata con una funzione protettiva, in realtà non ha mai lavorato come tale.

Udite, udite! Questo posto è stato solo una prigione.
E tra i tanti prigionieri, uno fu addirittura Dostoevskij. 

La fortezza di Pietro e Paolo è la seconda attrazione più visitata dai turisti dopo l’Hermitage.

Questa città nella città alla quale si accede attraversando la porta di Pietro, ha dentro le mura la cattedrale dedicata ai Santi Pietro e Paolo (la più antica della città) e la Zecca (in funzione dal 1724). 

Sappiate che proprio in questa fortezza si trovano i sepolcri monumentali dei Romanov, da Pietro il Grande a Nicola II. 

Oltre che una serie di musei di vari argomenti ma comunque riguardanti la città. 

museo San Pietroburgo fortezza Pietro e Paolo
Museo all’interno della fortezza: bastione-prigione Trubetskoy

D’estate, la spiaggia fuori le mura, diventa la spighetta cittadina preferita dai pietroburghesi.


Orario: 10.00 – 19.00. Orari personalizzati per i musei, consultare il sito. Alcuni dei musei aprono alle 11.00 e chiudono i mercoledì;

Prezzo: 600 rubli per cattedrale e ai diversi musei.

🤞🏽 Consiglio da amici: Arrivateci dalla Prospettiva Nevski e Ponte del Palazzo e il Ponte Birzhevoy.
La vista sulla Neva sarà d’incomparabile bellezza!


4. Cattedrale di Sant’Isacco

Storicamente la cattedrale di Sant’Isacco non nasce come quella che effettivamente si trova a San Pietroburgo -una bellissima ed enorme costruzione dagli interni sontuosi e una capacità di 14000 persone- ma era più una chiesetta di legno voluta da Pietro il Grande. 

cosa vedere a San Pietroburgo cattedrale sant'Isacco

Se non vi facesse effetto l’impatto della struttura esterna, composta da colonne di marmo rosso e una cupola enorme; non potrete sicuramente restare impassibili davanti alla bellezza degli interni, ricchi di affreschi, di  mosaici e di colori sgargianti. 

Ma non abbiamo finito! 

Fate lo sforzo di salire 262 gradini e di arrivare al colonnato in cima alla cattedrale.

Ci ringrazierete per la meravigliosa vista sulla città che da quella posizione riuscirete ad avere!

vista San Pietroburgo


Orario:  10.00 – 18.00; in estate aperto fino al 22:30. Mercoledì chiuso. 

Prezzo del biglietto: 250 rubli (+150 rubli per salire sulla cupola). 

🤞🏽 Consiglio da amici: durante le notti bianche, si può salire sulla cupola in orari compresi tra l’1 e le 4:30.


🚗 Giorno 4 – Una gita alla scoperta della residenza a Pushkin

Del palazzo di Caterina a Pushkin abbiamo già parlato largamente in questo articolo dedicato.
L’unica cosa che ci teniamo ad aggiungere è come gestire il tempo: ci vogliono circa 1 ora e mezza per raggiungere Pushkin partendo dalla fermata metropolitana Prospettiva Nevskij e utilizzando i mezzi pubblici.

Tenete quindi conto di almeno 3 ore tra andata e ritorno, solo di trasferimenti.
Minimo -soprattutto se andrete in estate- ci saranno un’altra ora/ paio di ore di fila per entrare.

Quindi, ovviamente, il giorno destinato a questa escursione è una di quelle giornate in cui, per ovvi motivi, bisognerà svegliarsi presto.

Quante cose da vedere a San Pietroburgo eh? E non abbiamo finito, continuate a leggere per un altro paio di chicche.

 

🎫

Cosa fare a San Pietroburgo assolutamente

📌Crociera sui canali di San Pietroburgo: un’esperienza indimenticabile

In una città sul mare, in una città attraversata da corsi d’acqua… come fa la crociera in barca sui canali della città a non essere nei must do imprescindibili?

La durata media può partire da un’ora ed arrivare fino a 2 ore. 

Troverete ovunque sparsi per la città persone che vi proporranno una crociera piuttosto che un’altra.

cosa vedere a San Pietroburgo canaliLe partenze sono di solito di fronte al museo Fabergé.

📌 Andare a teatro: sentitevi uno zar/zarina per un giorno

San Pietroburgo è una delle città più eleganti e raffinate del mondo.
Per questo non può assolutamente mancare una serata a teatro quando deciderete di visitarla.

L’ideale sarebbe vedere il balletto sul palco del Teatro Mariinsky o in alternativa l’opera sul palco del teatro Mikhalovsky.

Nel caso non periodo di stagione (che va da settembre a giugno) è possibile assistere ad uno degli spettacoli tenuti dal gruppo “Feel Yourself Russian” a palazzo Nikolaevsky.

Il tempo di rappresentanza è di circa 3 ore mentre le fasce di prezzo variano, ovviamente, in base alla posizione scelta ma hanno, di solito, una base di partenza di circa €10.

 

📷

I migliori spot fotografici: provateli!

MoscheaInstagram|Google maps

Chiesa del San Salvatore sul Sangue VersatoInstagram|Google maps

Palazzo d’InvernoInstagram|Google maps

Singer Bar (di fronte alla cattedrale di Kazan)Instagram | Google Maps

 

Allora, avete scelto cosa vedere a San Pietroburgo?
A chi è venuta voglia di visitare questa perla della Russia
ed
è pronto a prendere il volo?

Vi piace visitare le città in estate rinunciando al mare
o le preferite in inverno nonostante il freddo e la neve?


Ti è piaciuto l’articolo su cosa vedere a San Pietroburgo? Condividilo sui social! Basta cliccare sul pulsantino.
Ah già.. e seguici se non l’hai ancora fatto. Grazie


Cosa vedere a San Pietroburgo: guida (con itinerario) ultima modifica: 2018-07-01T21:08:22+00:00 da Travelholicsouls

4 Comments

    1. È davvero bellissima! E se ti servisse una qualsiasi info per organizzare il tuo viaggio che per caso non abbiamo scritto, contattaci pure! Siamo qua per questo (:
      Un bacio

    1. Ciao Stefania,

      Guarda noi purtroppo non ci siamo stati in inverno quindi non ti sapremmo dire.
      Sicuramente bisogna coprirsi bene ma l’Hermitage si può fare senza problemi e lo stesso vale anche per Peterhof e per il palazzo di Caterina. Con molta probabilità non sarà super piacevole visitare i parchi (che però sono bellissimi) ma ci si può accontentare.
      Le chiese inoltre, anche loro saranno visitabili senza problemi.
      Un po’ ad ignoranza ti diremmo che secondo noi, l’itinerario può essere lo stesso, magari solo un po’ più intervallato di posti al chiuso come bar e musei 🙂

      Facci sapere come va!
      Un abbraccio 🙂

      Simo e Zi

Rispondi