48 ore a Tallinn 

Tallinn sa farsi amare.
Ci sono quei posti che hanno il dono di trasmettere un senso di felicità solo ad esistere, che non eccellono di opere d’arte ma che fanno della propria gente la vera arte, che non hanno fior fior di musei ma che le loro stradine son già di per sé un museo.

Ci sono, fidatevi, andate a Tallinn e poi ci saprete dire (ma vi avvisiamo, tenere a guinzaglio il cuore, ci vuole un attimo a perderlo).
Questa cittadina di poco meno di 500 mila abitanti conserva una genuinità ormai difficile da trovare, fatta di vicoli ciottolati, botteghe artigiane e di c’era una volta.
Profuma di storia e di magia ma anche di baldorie e di alcol, una città tanto viva da lasciarti stordito, necessitante di essere vissuta 24 ore al giorno.

Siete pronti a scoprire la capitale estone in 48 ore?

PS. Leggete a vostro rischio e pericolo. Non ci assumiamo la responsibilità di soldi spesi per organizzare un viaggio in questa città il prossimo weekend; per maggiori informazioni, consultare attentamente il foglietto illustrativo (che, tra parentesi, cogliamo l’occasione per ringraziare! Grazie VisitTallinn, hai reso il soggiorno ancora più piacevole!).

Ci assumiamo invece tutto il merito del viaggio nel caso tornaste supersoddisfatti -sempre che torniate, ovviamente-.

🌏

Tallinn, Estonia

Ossia la prima città ad allestire, nel 1441, un albero decorato per festeggiare il Natale.

🕓

Quando andare?

Data la latitudine del paese, l’estate resta la stagione migliore durante la quale fare un salto in Estonia e trovare buone temperature. Eppure, i suoi mercatini di Natale (considerati tra i più belli del mondo), rendono anche il periodo natalizio degno di essere tenuto in considerazione.

💸

Budget?

Medio-basso. Tallinn concede di permettersi piccoli lussi senza eccedere nelle spese.

✈️

Cosa vedere?

Quasi tutte le attrazioni della città si trovano racchiuse tra le mura medievali.

➡️La città vecchia

A passeggiare tra i vicoli stretti, la piazza ciottolata e i ristorantini datati vi ritroverete catapultati al tempo dei signorotti locali e delle carovane dei viandanti. Concedetevi il lusso di esplorarla senza fretta, a piedi, di perdervi.

Se riuscite ore ancor meglio se nelle prime del mattino o dopo le 17…quando la città un po’ si svuota perché le navi piene di turisti capitati per caso se li r-inghiottisce!

Qua le tappe obbligate saranno:
• la piazza del Municipio e la sua fotogenicità,
• la farmacia del consiglio comunale (non che la più antica farmacia d’Europa);
• La Grande Gilda* e il museo di storia estone (in quanto la gestione interattiva e le innumerevoli curiosità lo rendono d’ incredibile interesse).

Lo sapevate che nella classifica dei paesi più felici del mondo, l’Estonia risulta ultima!
Beh, è vero anche che se esiste una classifica qualcuno doveva pur arrivare per ultimo… ciò non toglie il fatto che sia strano essere nel paese più triste in assoluto.

• La chiesa di San’Olaf* e la sua imponente torre panoramica*. O meglio, la sua ex imponente torre panoramica. E per ex intendiamo solo l’aggettivo imponente. Infatti, cosa che non saprete, la torre di questo edificio sacro, dal 1549 al 1625, con i suoi 159m, era una delle più alte al mondo. Un Empire State Building d’altri tempi insomma. Oggi è un punto panoramico particolarmente apprezzato e una chiesa riconvertita battista.

 

• Le mura della città (Linnamüür*). Si tratta di 9 torrette appartenute all’antico perimetro protettivo della città. Alcune di queste torrette sono ancora visitabili.

➡️ La collina di Toompea, nonché la parte rialzata della città.


Qui, d’obbligo sarà la meravigliosa cattedrale ortodossa di Aleksandr Nevskij i cui interni sono tanto belli da causare un inchino di cuore (entrare per credere!)

 

➡️La città creativa di Telliskivi. Questo quartiere non è altro che l’espressione artistica della città. Le fabbriche che lo componevano sono state trasformate in locali, boutique, ristoranti e gallerie. Se sei alternativo, hipster, fattone, skater, artista…ma anche se non sei nessuna di queste cose, devi andare a vederlo! Un tripudio di colori, forme e murales che non potrà non mettervi di buon umore.

 

➡️ Il Seaplane Harbour*. Questo museo marittimo è proprio adatto a tutti: grandi, piccini, esperti o solo curiosi. Entrando, vi troverete completamente immersi nel mondo acquatico con luci e scenografie particolarmente azzeccate. Tecnologie all’avanguardia come gli occhiali per la realtà virtuale e la possibilità di entrare in un vero e proprio sottomarino renderanno l’esperienza esaltante.

 

📷

As a local

  • Il F-Hoone è il ristorante più gettonato tra gli abitanti di Tallinn. Perché? Beh, innanzitutto per il menu: un perfetto mix tra particolarità, qualità e buon prezzo. E poi, sicuramente per la location. Un vecchio edificio industriale, perfettamente conservato e la cui stravaganza è già abbastanza per convincervi ad andare.
    Un’accortezza: ricordatevi di prenotare perché è sempre pieno, ci sono pure clienti habitué che hanno il loro tavolo riservato.

Proprio davanti al locale si trova una meravigliosa creazione d’arte post-moderna. Sedersi per credere!

  • Vorrete mica andare a Tallinn e non prendervi un dolcetto nella più antica e amata caffetteria della città? Ecco, allora l’indirizzo è Pikk 16, Tallinn, Estonia. Voi dateci un’occhiata, entrate senza impegno e se riuscirete ad uscire senza assaggiare nulla…allora tanto di cappello!

Con la Tallinn Card avrete anche la possibilità di avere un thè o un caffè gratuiti!

  • Dove dormire? Vi diamo una gran bella notizia, una di quelle che farà guadagnare alla città un sacco di punti: gli alloggi non cari. Noi abbiamo avuto modo di alloggiare al Old Town Munkenhof, un carinissimo ostello all’interno di uno degli edifici storici del centro. Unica pecca: assenza di ascensore e una valigia per 20 giorni da trasportare su per 3 piani, immaginate da soli il desiderio di morte e sconsolazione davanti alla scalinata, vero?
    Il più grande dei pro: deposito bagagli per tutto il giorno successivo, gratuito.
    Ma avrete modo di trovarne molti con una buona ricerca su booking.
  • Esiste una carta, la Tallinn card, che permette l’accesso alle principali attrazioni cittadine (quelle comprese nella carta e citate in questo articolo sono contrassegnate da un asterisco) gratuitamente, saltando la coda. Inoltre offre la possibilità di usufruire di tutti i mezzi e riduzioni in hotel, negozi di souvenir, saune, ecc… fateci un pensierino! Fatevi un elenco di ciò che volete visitare, riflettete su quanto queste sono distanti tra di loro (è vero che molto si trova in centro ma ad esempio il Seaplane Harbour è distante e lo stesso vale per il KUMU –museo imperdibile per gli amanti dell’arte-), informatevi sui prezzi e decidete. 

 

A questo punto la nostra domanda è,
Avete prenotato in estate o in inverno?

 

Salva

Salva

4 Comments

  1. Vabbè, che dire… Aldilà delle foto meravigliose, hai quella frizzantezza giusta per convincere e invogliare chiunque a visitare i posti che visiti! Questa Tallin già me gusta! Grazie❤️

  2. Beh beh beh ma è il paradiso! Come fa ad essere fra i paesi più tristi al Mondo? Non posso crederci! Che voglia di andarci ragazzi, vorrei farmi proprio un bel viaggio itinerante come il vostro che ho seguito con grande interesse. Aspetto i prossimi articoli!!!

  3. I vostri articoli sono sempre simpatici e mai scontati! Mi avevano parlato bene di questa città ma, dopo aver letto i vostri consigli e visto le foto, mi è venuta ancora più voglia di visitarla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *